Sono solo una, non sono nessuno e nemmeno centomila… Mi piace considerarmi una scrittrice “di serie Zero“, dove per Zero s’intenda la capacità di lasciarsi permeare a tutto tondo da ciò che arriva, senza farsi intrappolare dalle idee, che poi cambiano, senza farsi imprigionare dalle convinzioni, che poi si rovesciano, senza farsi scrivere il destino, che poi si cancella e si riscrive…